ARCHITETTURE STATICHE E DINAMICHE, mostra collettiva a Palazzo Ducale di Revere (MN)

2107 - l'sola che non c'è - tela su tela cm. 60x60
L’isola che non c’è
25 luglio 2018
2108 la meta' oscura- cm 70 x 130
“La metà oscura” olio su tela cm. 70×130
15 settembre 2018
Show all

ARCHITETTURE STATICHE E DINAMICHE, mostra collettiva a Palazzo Ducale di Revere (MN)

biglietto copia

Nessun dubbio sull’alta qualità della mostra “Architetture statiche e dinamiche” che inaugura sabato 1° Settembre al Palazzo Ducale di Revere di Borgo Mantovano in provincia di Mantova. Alle ore 18.00 nel castello dei Gonzaga, 12 artisti presentati da Barbara Ghisi esporranno al pubblico opere di disegno, pittura, scultura, installazione, grafica digitale e fotografia, nonchè progetti d’architettura ambientale. Oltre agli italiani ci saranno due artisti cubani nati a Sagua la Grande, Villa Clara dove si sono entrambi diplomati presso la Scuola Professionale d’Arte Samuel Feijo. Luis Israel Gonzales Sosa classe 1980 con specializzazione in Scultura e Ramon Ramirez Ruiz attualmente docente di Disegno e Pittura nella stassa scuola. Entrambi sono rappresentati in Italia dalla Galleria Isolo17 di Verona. Emiliana di nascita e marchigiana per scelta Patrizia Rampazzo, vive e lavora fra l’Appennino reggiano e la costa di Senigallia. Di formazione storico-artistica, insegna Storia dell’Arte nei licei e istituti d’arte. E’ nato a Modena il pittore Massimo Riccò che insegna presso i circoli artistici del territorio pittura a pennello e a spatola, puntando a stimolare la creatività dei singoli studenti. Vincitore pluripremiato di concorsi ed estemporanee d’arte.
Dalla provincia di Reggio Emilia giungono il pittore Andrea Casarini originario di Correggio con le sue chine raffiguranti castelli, borghi medievali dell’Appennino e le corti intorno al fiume Po, e l’architetto Sergio Zanichelli di Guastalla, iscritto all’ordine degli architetti pianificatori paesaggisti e conservatori di Reggio Emilia. E’ redattore della rivista Architettare ed espone progetti futuristici di città temporanee sul fiume Po. La pittrice Monica Zambon è nata a Settimo Torinese e vive a Sanremo in provincia di Imperia. Le sue architetture di interni ed esterni a spatola e a pennello catturano nell’atmosfera vibrante dei ricordi. Ivo Cristallo vive a Pozzolo Formigaro in provincia di Alessandria. Le sue tele mostrano scorci di città in prospettiva centrale o laterale, ma quasi sempre col punto di vista dal basso, dall’asfalto della strada. L’artista romano, nato a Tivoli e residente a Ladispoli, Sandro Frinolli Puzzilli porta il progetto Cromaliti i cui colori determinano un codice di interpretazione. Partendo dalla fotografia stampata e rivisitata con pittura e arte digitale, giunge alla stampa finale su carta fotografica. Il maestro Alfredo Pini nato a Mirandola e residente a Ferrara, presenta opere sull’ambiente urbano e sulla trasformazione inesorabile delle cose. Il gesto istintivo dal tratto veloce rafforza il dinamismo giungendo all’astrazione delle forme. Luigi Meregalli nativo di Carate Brianza, attualmente residente a Riva del Garda, dipinge da oltre quarant’anni. Fa parte dell’AIA Associazione Italiana Acquerellisti e da anni tiene corsi di acquerello e workshop in tutta Italia. Mario Perrotta vive a Paola in provincia di Cosenza. Gli scorci dei vicoli del suo paese e le vedute dei paesaggi diventano con gli anni architetture sempre più essenziali al punto da sintetizzarsi in pure linee e forme geometriche.
Per tutti i visitatori in omaggio il catalogo della mostra, che chiuderà i battenti domenica 23 settembre

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *